Sequenza di accensione

Nella variante classica, una bobina di accensione centrale genera l'alta tensione necessaria per l'innesco della miscela di aria e carburante. Un distributore di accensione ripartisce la tensione alle candele nella giusta sequenza.
Un distributore di accensione meccanico garantisce che la tensione arrivi alle candele al momento opportuno.

Nella variante classica, una bobina di accensione centrale genera l'alta tensione necessaria per l'innesco della miscela di aria e carburante.

Un distributore di accensione meccanico garantisce che la tensione arrivi in sequenza alle candele al momento opportuno.

A tale scopo, la tensione di accensione viene condotta attraverso la calotta del distributore e il cavo di accensione fino all'attacco della candela. Da qui giunge poi all'estremità dell'elettrodo centrale e supera il gap che la separa dall'elettrodo di massa scaricando la scintilla.

Nella variante più moderna, che prevede l'impiego di una bobina di accensione per ogni candela (accensione totalmente elettronica), non occorrono distributori meccanici né cavi di accensione AT.

Argomenti simili

Cavi candele: I cavi candele hanno la funzione di condurre la tensione (U) necessaria fino alla candela di accensione, per quanto possibile in assenza di perdite.

E-Learning: approfondite la vostra conoscenza tecnica in materia di candele sulla piattaforma E-Learning di NGK. Troverete contenuti dettagliati presentati in forma multimediale con animazioni 3D, video e grafici dimostrativi.